Cominciare a 50 anni

Qualcuno, senza far nomi, mi gira un link degli amici di LBM. L’argomento è: cominciare a correre a 50 anni. Pare che parli a noi che, dopo questa Pandemia, fatichiamo a tornare non dico esattamente come eravamo prima, ma neppure lontanamente somiglianti. Si ricomincia, ancora una volta, daccapo.

L’età pare l’unica a correre, mentre il resto combatte una battaglia strenua per far capire all’organismo se, al momento, siamo ancora al vertice decisionale.

Si è stabilito che si riprenderà a correre “seriamente”, con tutta la necessaria processualità. Un manifesto di flessibilità. La logica della saggezza o la presa d’atto della realtà.

In effetti, la fretta è cattiva consigliera e tutte le cose (degne di nota o meno), nascono con un piccolo passo. Beh, c’è passo e passo. Quello sulla Luna non è minimamente comparabile al mio primo “frammento” da neo-runner.

Ancora lo ricordo. Era il 2008 e fu della strabiliante distanza di ben 50 metri. Esattamente da un lampione al successivo semaforo. Dopodiché, con la lingua a penzoloni, mi sono seriamente chiesto se fosse un’attività realmente possibile (dal parte del sottoscritto). Le gare si disputavano, normalmente, sui 10 chilometri. Dieci chilometri per chi ha “corso” soli 50 metri è, in proporzione, pari alla distanza tra la Terra e l’anzidetta Luna. Le Mezze e le Maratone, inconcepibili, apparivano più lontane di Ofiuco.

Soccorsero alcuni suggerimenti degli “anziani” (uno per tutti il “prode” Enzo Gianni).

Anzitutto ci vogliono gli strumenti, ossia delle scarpette “ragionate” su chi, poi, avrebbe dovuto indossarle. La scelta è legata ad un giudizio “funzionale”. Per ognuno, a seconda delle caratteristiche (e di quello che intende fare), c’è la rispettiva “tipologia” di calzatura. La scarpetta sbagliata – ma bella da morire – nasconde la fascite plantare, la tallonite ed ogni accidenti possono essere causati alle nostre appendici, dopo qualche settimana di uso disinvolto.

Il secondo suggerimento è stato quello di alternare la corsa con la camminata. L’obiettivo è fare strada e stare il più possibile sulle gambe. Inutile pensare subito di correre per chilometri. La distanza sembra insostenibile. Il suggerimento è talmente buono che tutt’ora – benché sia commendevole per un runner “maturo” ammetterlo – quando sono in difficoltà non disdegno la pedagna. Se sono in “recupero” della forma perduta, dopo un periodo di “fermo”, adotto una mia personale versione del noto metodo “Galloway”, attraverso la quale sono in grado di completare una maratona in 4h40min, camminando per 13 chilometri.

Un altro buon suggerimento fu quello di trovare un compagno di corsa, con cui con-dividere l’impegno. In realtà, la corsa non si può dividere (5K in due sono sempre 5000 metri a testa), ma si può “assimilare” meglio, in virtù della dilatazione (o, nel caso, restrizione) soggettiva dello scorrere del tempo.

Infine, ci fu un ultimo suggerimento fondamentale: la volontà. Tranne pochi che si “divertono” (mi dicono che sia una specie realmente esistente), per i più serve la “voglia” di voler correre. Cioè un “comando” per una attività di cui, probabilmente, potremmo fare a meno, essendo disponibili numerose alternative maggiormente soddisfacenti.

Invece, scegliamo proprio di correre e il lungo spazio che intendiamo occupare (sia di tempo che di luogo), richiede una decisione costantemente ribadita. Ci vuole un attimo a mollare e rientrare.

Da una parte, infatti, milita – nella parte oscura – quella che viene indicata come “mente che frena” che corrisponde, idealmente, al nostro diavoletto sulla spalla che ti sussurra tutte le alternative praticabili. Dall’altra parte troviamo l’angioletto, che fa molta più fatica del diavolo, per trovare la chiave “giusta”, la leva su cui fare perno per trovarci consapevoli che quello che facciamo ha un qualche senso compiuto.

La voglia di correre è, quindi, una lotta di resistenza non verso la strada, ma rispetto alle alternative disponibili. Ed eccoci in strada, nuovamente …

[Colonna sonora: The Police, Walking on the Moon (Max Steel Moon Runner Mix)]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *